Paulina Marciniak

Lapaginabianca.docx

Gentilissimi visitatori de Lapaginabianca.docx,

Negli scorsi giorni, fra i commenti di uno degli articoli pubblicati, ne è stato aggiunto uno anonimo di natura offensiva, denigratoria e piuttosto inappropriata nei confronti di uno dei nostri co-fondatori. La sezione commenti è stata, a malincuore, temporaneamente disabilitata. Vogliamo ricordare a chiunque entri sul suddetto sito che commentare in tale maniera è considerato reato, precisamente quello previsto dall’articolo 595, comma 3, del Codice penale che punisce (con la reclusione da sei mesi a tre anni o con la multa minima di 516 euro) chi offenda l’altrui reputazione. A tal proposito sentiamo la necessità di comunicarvi che se dovessero ripresentarsi atti come quello precedentemente descritto verranno presi provvedimenti denunciando alle autorità competenti.

Lapaginabianca.docx è nata con lo scopo di occuparsi del prossimo, portando un messaggio che valga da essere umano a essere umano e non v'è spazio per chi in questa pagina vuol portare avanti campagne d'odio.

Paulina Marciniak, nata nel 1997, è un’artista irlandese emergente. Neolaureata in pittura alla Limerick School of Art and Design, le sue opere sono state esposte in tutta l’Irlanda. 

La sua pratica si concentra sulle discipline della pittura, della fotografia e dell’ installazione. Si interessa particolarmente alla sperimentazione con i materiali, all’astratto figurativo e della libera associazione. 

Il processo artistico di Paulina Marciniak intende combinare la fotografia con la pittura, il figurativo con l’astratto.

 

                                           
  

Il suo lavoro non inizia con una nozione preconcetta di prodotto finito; Le storie “visive” vengono estrapolate dal loro contesto e tradotte successivamente in pittura. Nel processo esse perdono la loro valenza primordiale, diventando oggetti che l’artista intende manipolare, estrapolandone, finanche catturandone, l’essenza unica .

Il lavoro di Paulina Marciniak è incentrato sulle interazioni e le relazioni.  È affascinata dall’idea dell’”Altro” che si palesa come individuo o come un gruppo di persone innominate, le quali costituiscono il fulcro centrale del suo lavoro artistico. Esplorando il linguaggio della pittura, l’artista si focalizza, e allo stesso tempo enfatizza, il processo e le emozioni che il dipinto ritrae.

Si fa riferimento alla mia prima mostra in cui ho realizzato oltre 2500 aeroplani di carta, ognuno dei quali rappresenta il viaggio che un manufatto ha compiuto per finire nel luogo collettivo del museo.

Voglio sfidare lo spettatore ponendogli una domanda:

 

Come preserveresti il senso hai di te stesso e la tua connessione con il mondo se la comprensione del linguaggio diventasse inaffidabile, il tuo linguaggio scomparisse o la tua capacità di leggere e scrivere si riducesse?

 

 

ALL RIGHTS RESERVED