SABIWA

In primo piano

Il mio nome è SABIWA. Ero una medusa, galleggiavo nell’acqua; Ero anche un uccello, ma non uno di quegli uccelli che volano liberi nel cielo, io vivevo in una gabbia.

Ora sono umana, e a volte mi dimentico di chi ero. 

Continua a leggere

(Re)imparare a vivere

In primo piano

L'istruzione ai tempi del Covid

Il 5 Marzo del 2020, il Governo italiano sospende qualsiasi servizio educativo per l’infanzia e avvia la chiusura totale di scuole e Università. L’Italia si ritrova a fronteggiare un nemico invisibile ma letale che, in poco tempo, si è diffuso sempre più velocemente in tutto il mondo.

Sono stati giorni caotici e spaventosi. Da una parte la scienza medica che non riusciva ad arrestare la circolazione di questo “nuovo” virus, dall’altra l’innesco di un processo di incertezze, paure e disperazione.

 

Di colpo il silenzio.

Continua a leggere

Orgoglio e sentimento, Benedetta Cosmi

In primo piano

A cura di Valentina Marina Cariglia

“Orgoglio e sentimento”, ultimo lavoro di Benedetta Cosmi, giornalista economico, tra sperimentalismo e tradizione, unisce lo stile saggistico al romanzo di formazione, l’analisi sociale a una moderna liricità, il cui scopo è comprendere forze e debolezze di due epoche contrapposte, e in cui la letteratura, permeata di battaglie sindacali e impegno politico, diviene veicolo di riscatto contro la deflagrazione degli attriti di una generazione ferita nell’orgoglio, ma non scorata dal sentimento di un’utopica città del sole.

Continua a leggere

Madri Gotiche, Patrizia Busacca

In primo piano

A cura di Alessandro Bencivenni

“Sono nata guerriera, ma non sapevo a quale esercito appartenessi. Poi, il 3 settembre del 2007, me lo ha svelato il mio corpo. Mi sono risvegliata dalla mastectomia e ho preso atto di quello che cercavo di comprendere da una vita: sono un’amazzone”.

Continua a leggere

La figlia unica, Guadalupe Nettel

In primo piano

Per più di sei mesi Alina ha fatto tutto il possibile per rimanere incinta. Si è rivolta a dottori e a cliniche specializzate senza perdere le speranze. Sottoposto a forti dosi di ormoni, il suo corpo aumentava e diminuiva di peso, e i suoi stati d’animo sembravano reduci da una centrifuga. Mentre accadeva tutto questo, io non potevo fare a meno di ricordare i versi di Jetsun Milarepa sull’atteggiamento degli esseri umani: “cercando di essere felici si buttano a capofitto nella propria sofferenza”.

Continua a leggere